Back to Top

Chiesa Cristiana Evangelica "dei fratelli" di Abbiategrasso

Gesù disse: "Io sono la via, la verità e la vita, nessuno

viene al Padre, se non per mezzo di me" (Giovanni 14:6)

Siamo persone virtuali?

 

Hai mai riflettuto su l’importanza che ha l’avere vicino persone fidate?

Da sempre l’uomo incontra centinaia di persone l’anno ma approfondisce la conoscenza solo  con una parte di queste persone. Ancora meno, instaura delle amicizie solamente con quattro o cinque di loro, o forse con nessuno.

Oggi più che mai possiamo definire la nostra società un territorio moderno e tecnologico, dove ognuno di noi è quasi chiamato a ‘fare la sua parte’ e ad essere qualcuno che sia più che una persona fisica, una persona ‘virtuale’.

E’ così che la posta in gioco si alza. Cento persone all’anno non bastano per il nostro profilo sul web. Desideriamo più contatti, ne abbiamo sempre più bisogno. Aumentano a dismisura gli incontri sulla piazza del web. Centoventi, duecentoquarantadue, cinquecentodieci. Riduciamo la nostra vita ai numeri.

Ma quante sono le persone che in fondo restano fino alla fine? Cinque? Tre? Una? Nessuna?

Perché la verità è che più persone conosciamo, più ne dimentichiamo. Gli incontri virtuali non sono gli incontri reali. Abbiamo perso la bellezza del dialogo, non quello che si scrive, quello che si vede. Abbiamo perso l’abitudine a chiedere aiuto agli altri, perché ci basta cercare ogni cosa sul web. E più si va avanti, più si perde la vera ricchezza della vita. L’amicizia, il dialogo, la lealtà.

Nella Bibbia, Davide aveva un unico grande amico, Jonathan, il figlio del re Saul. Si conobbero da ragazzi e la loro lealtà fu sempre reale. Quando il re Saul si allontanò da Dio, provò più volte ad uccidere Davide perché era stato scelto da Dio stesso per sostituirlo. Jonathan rimase al fianco di Davide, a costo di andare contro suo padre, perché riconosceva che Davide era giusto agli occhi di Dio.

Al tempo di Davide non esisteva la tecnologia, non esistevano i profili sui social network, e la vita era bella e ricca anche così.

La tecnologia può agire in noi in due modi diversi e opposti. Possiamo imparare a gestirla o lasciare che essa gestisca noi. E se riusciamo a controllare la modernità, possiamo anche ricercare le persone giuste, quelle che preferiamo avere al nostro fianco. Quelle che ci fanno del bene e che resteranno fino alla fine.

Chiediti questo: chi di tutti loro resterà?

Apprezza la tua vita reale. Controlla la tua vita virtuale. Scegli le amicizie giuste.